sabato 29 novembre 2014

New Site about Valentina Lattuada

You can find contacts, calendars, links and more infos.

Date seminari di Integral transpersonal Theatre a Milano 2014/2015

ECCO LE DATE DEI PROSSIMI SEMINARI INTENSIVI di Integral Transpersonal Theatre A MILANO (SEDE ITI - Via Montalbino 7): 
2014 Dicembre 20-21 dalle 10 alle 18h.
2015 Febbraio: 7-8
         Marzo 7-8
         Aprile 4-5
         Maggio 9-10
         Giugno 6-7
         Settembre 5-6
         Ottobre 10-11
         Novembre 7-8
         Dicembre 12-13
Presto divulgheremo maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione ai corsi del 2015. Nel frattempo vi aspettiamo a dicembre. (presto flyer).
Info e iscrizioni:

domenica 2 novembre 2014

Integral Transpersonal Theatre - Novembre 2014 - Milano

22-23 NOVEMBRE 2014 DALLE 10 ALLE 18.
TENUTO DA Valentina Lattuada

giovedì 1 maggio 2014

Pillole. 11

Il palco vuoto è il Caos. Luogo del non formato, dell’avvenire, delle immanenze. La scena è uno spazio dove si attualizza permanentemente il gesto mitico della creazione. E, cosi, ogni manifestazione di teatro implica il ritorno al caos, per mezzo di un rituale che religa l’umanità agli ancestrali in illo tempore.
Per questo il nostro obiettivo nel teatro è la Hirofania, ovvero farne spazio della manifestazione del sacro. Lo spazio teatrale, luogo dell’osservazione, è un tempio, e il concetto di Hierofania è riservato a quel modo di fare teatro che si occupa delle creazioni dello spirito, quelle che hanno il potere di rivelare, in nuove forme, l’atto primordiale della creazione. Frutto non di artisti creativi, ma di creatori, capaci di dare esistenza a un mondo che intravede la realtà e in seguito torna al caos. Il lavoro dell’artista creatore è intenso e il percorso è lungo, per giungere ad attualizzare il teatro, attraverso la ri-attualizzazione dei gesti primari, come Hierofania, come arte, esprime la sua epoca per mezzi che stabiliscono ponti tra l’uomo e le divinità recuperate dal pensiero arcaico.
Per questi, e altri motivi, come esposto nel precedente numero de La Visione Sottile, quando parliamo di artisti, di attori, parliamo di noi tutti e quando parliamo di Teatro, parliamo del palcoscenico del mondo, della rappresentazione della Vita, e invitiamo qui a scoprirne le connessioni, in questo meraviglioso e misterioso gioco di rivelazioni. Proponiamo di vedere il mondo tutto come Hierofania.

martedì 11 marzo 2014

English brochure for Integral Transpersonal Theatre

Integral Transpersonal Theatre
 Poetics of the invisible. A Transpersonal Approach to Theatre and Acting.

Beauty is in the eye of those who see. Art is in the eye of those who observe. Gaze sees, reproduces and transforms life in artwork, and life itself is transformed by it.
The artist’s gaze isn’t only sight, but it concerns every sense, together with intellect of course, but also with intuition, instinct and Transpersonal perception – or Vision.
Transpersonal regards the field of the highest qualities of human beings – such as the dimensions of consciousness, soul, creativity, transcendence, for example, that pass through the overcoming of individualism and egoism, reaching a way of being in the world and of doing things that go beyond appearances - which, as such, belong to the heroic journey of the individual towards awareness, synergy, sharing, resonance, interconnection, naturalness, respect, listening, acceptance, responsibility, emotional mastery, self-knowledge and so on.
An artistic process willing to be transformer for one’s self and for the community passes through a systematic training of Observation, Sensibility and Awareness, along a two-way path, outside-in and inside-out; its action field is humanity in its entirety, in what can be called holistic vision considering the five levels of the individual: physical, emotional, mental, energetic and spiritual (or transpersonal).
Through Observation, Sensibility and Self-Awareness of one’s own framework, muscles, personal history and so on, an evolutionary and creative journey begins, able to tell and represent stories through one’s own body and voice, in a sincere, responsible, quality and why not, magic way.
I become an instrument of pure perception (pure body, pure sight, pure mind), where reality meets mystery, dream, where I create knowing when to lose myself, and how to come back and do it over and over again…until magic happens, alone.
Only through play and responsibility for what I plan and project I can stimulate some kind of transformation or new awareness in others and myself: this is the power of art, the power of human beings in the world, this is a Transpersonal Approach to Art.
Poetics of the invisible represents the place of creativity that cannot leave aside all the realities and invisible forces, archetypical and subtle, that exist and act in and around human beings, and that as such must be object of observation and artistic reproduction as much as the visible, perceivable, material and explicit ones.
Therefore, a Transpersonal Approach to Theatre proposes a stimulant journey of knowledge of the soul through art and of art through the soul, by an Integral work on Human beings, in an evolutionary process on (on and off) stage and outside.
Using different theatrical and therapeutic practices, Valentina Lattuada, after many years of study, stage-work and rehearsals, created a Method, in constant evolution, which through a psycho-physical-spiritual study of one’s self and of the character, allows to enter in contact with Human Nature from different points of view, and to perceive its unity.
This perception stimulates stage intelligence, acting abilities and most of all frees the actor’s and the beginners’ soul from everything obstructing the creative impulse, joy of life, authenticity, presenting theatre as a responsible game, as a development of one’s own talents and as a source of individual and collective healing.
Through specific practices and techniques that act on the body, voice, soul and mind, consistently with the Holistic Vision of the Subject, work is performed simultaneously on the actor, the character and the collectivity, whether it’s group of study, theatre, therapy or Society itself.
Those who decide to open themselves to this stage and non-stage journey, are prepared to perceive and transcend themselves, in a wider comprehension of Feeling and Behavior, this way laying the foundations of Self-acceptance and of the character they wish to represent, whatever its features are, recognizing in this capability of complete observation and acceptance the fundamental element in order to express it, represent it, artistically recreate it, with love and intelligence.
This kind of study and practice, based on Sight and Sensibility Training, as tools to comprehend others and to allow others to comprehend us, provides an intuitive, sensible and original development of one’s own talents and allow access to an authentic artistic creation.
Through this kind of training, it’s possible to access the rediscovery of the invisible as an integrant part of reality. The poetic act of living, represented and transfigured through the shamanic-esthetic act of artistic construction, passes from an individual level to a social level through a journey of love, observation and discipline, where changeability is a prerequisite for evolution and represents the richest characteristic of life, re-proposed on stage.
The study of both theatrical and literary texts is part of the journey, favoring contact with the collective unconscious and its archetypes, providing not only the basis for a theatrical work, but also for one of sharing and stimulus of a critical attitude as a first step towards coexistence, evolution and creation, not only of an artistic product but also of new archetypes, able to act on the collective unconscious and the contemporary world.
The seminar
I propose a formative journey for actors and non-actors, a journey that considers human beings as an unlimited source of life and myths, as Cosmos and Cosmogonist Author at the same time. 
The seminar is ideal for people with any kind of background, social background, age and profession, who are interested in entering in contact with a different way of thinking about art and life, according to humanistic guidelines and allowing a journey, even if short, of intense research and awareness.
The seminar begins with simple information and exercises, discussions and basic but innovative practices, in order to later reach moments of individual and collective creation, starting from texts or personal experiences re-experienced as Subject and not as Object, as actor-director, as artistic transformer and as Poet of the invisible.
Some of the proposed exercises find their origin in the Method of the Brazilian Director Antunes Filho, in Biotransenergetics and in many masters of the art of acting (Suzuki, Kazu Onho, Meisner, Uta Hagen, Anne Bogart etc.), among who (which): Funambolo, Bolla, Blues, Maria Callas, Follia, Disequilibrio, Statue Suzuki, stock fight, Captation, Repetition, Pret a Porter, Monologue, Improvisation, March, Butò Kazu Onho, presentation, genesis, visualization, contact with Chakras, mimic, drammaturg disposition, vocal exercises based on resonance and on Chi, sacred dances.

Valentina Lattuada, actress, director, writer, producer, Transpersonal Counselor, with a University degree in science of Cultural goods at universita statale di Milano, has studied research and has worked in theatre for many years throughout different countries among which Italy, USA, UK, Spain and for a long time Brazil where she founded Butterfly International, followed by Blacky Martin Productions based in Spain, production companies through which she promotes artistic-cultural exchanges and creations between Europe, Brazil and the USA. Founder of the Integral Transpersonal Theatre.

martedì 25 febbraio 2014

Pillole. 10

Prima analisi. Un luogo per il Sacro.
Di fronte a uno spettacolo come uno di quelli di Antunes Filho, o di Kazhu Ono, o di Tadeusz Kantor, di Pina Bausch, di Peter Stein, per citarne alcuni, si ha l’impressione che un mistero ci circondi, qualcosa che non possiamo scorgere con i soli occhi del vedere. Sono sensi di meraviglia che sorgono da uno strato interno di noi stessi che sembrava perso, dimenticato, e di così remota ancestralità che ci assale. Per più semplice che sia la storia drammatizzata, elementi mitologici sorgono in essa per ricordarci della nostra condizione umana, mantenerci camminando e situarci nel mondo. Certe sensazioni non si giustificano come mere casualità di sviluppo di trama o disposizione dei corpi sulla scena, i sentimenti radicati nelle nostre cellule captano qualcosa che ci sconvolge per essere estremamente intimo, vol to alle origini – sia del nostro proprio fisico mortale, sia della grandezza incommensurabile dell’umanità.
Un cammino arduo si schiude all’artista che si avventura a seguire questo tipo di Visone di Mondo, complessa e profonda, portando il fare teatrale ad essere una “professione di fede” e il palco, un “luogo per il sacro”.
Non stiamo parlando di fanatismo, né di culto o setta, ma di lavorare nel campo della religione, nell’istante in cui poniamo il palco come spazio del re-ligare a ciò che di più intimo c’è agli esseri umani e che, allo stesso tempo, sta al di là, sopra, oltre noi. Non ci sono necessariamente pretese di questioni divine dichiarate, ma vuole arrivare all’essenza oscura da dove siamo nati, ritornare alle radici sotterranee della nostra specie, perché di li sorga nuovamente piena di conoscenza della sua esistenza.
Il divino qui è quindi inteso come la parte divina che c’è in noi, noi attori, noi spettatori, noi terapeuti, noi umani.
Per questi motivi, questo Metodo, fa uso di campi di conoscenza dispari e destituiti da qualsiasi connessione visibile. Beve nelle più diverse fonti dei drammaturghi creatori, passa per lo studio della fisica quantistica, la filosofia del Tao, sviluppa gli archetipi di Jung, gioca con le mitologie (dalle origini a Joseph Campbell e oltre), esplora molti lati della Biotransenergetica, la Psicologia Transpersonale, per dirne alcuni e soprattutto è fatta di molta tecnica, molto sogno e una continua, costante, autentica osservazione della realtà e i suoi diversi strati e manifestazioni. L’intento costante di fare di ciò che si rivela sul palco, la creazione di un mondo, per l’eterno ritorno dell’uomo a se stesso, uno specchio dove possa vedere la sua anima riflessa nelle tante anime che si uniscono dentro e fuori la scena. Si fa del palco teatrale un Cosmos, coscienti che dentro di noi ancora e sempre grida il Mito

Collegamento 2. L' Arte Transpersonale.

L’Arte Transpersonale
Dal “Manifesto Artistico Transpersonale” – Sintesi - di Francesco Maggiore

L'arte transpersonale è: una dichiarazione d'amore alla propria Essenza, è l'anima che danza insieme agli archetipi, la rappresentazione fisica del canto degli Dei.  E' il momento in cui anima e corpo si fanno uno per contemplare le qualità del Divino. Una rappresentazione artistica che nasce dalla liberazione dell'anima divina dall'ego, come la farfalla liberata che si alza in volo. L'Arte Transpersonale è l'arte al di là dei cinque sensi, frutto della mente pura e dello spirito. Arte transpersonale vuol dire lasciare lo stato di coscienza ordinario per cercare ispirazione nella Transe artistica dove si rivelano gli archetipi. Dedicarsi all'arte per conoscere il divino. Il processo artistico come processo di connessione con il mondo spirituale. L'arte, mero strumento di dialogo con il Sé divino. L'espressione artistica nata dal divenire tutto nella sintesi dove è possibile sviluppare i poteri creativi della personalità umana e il suo potenziale. E' l'unificazione del lineare e metaforico in una dichiarazione coerente visiva e letterale che rappresenta il cuore o anima, vale a dire l'essenza. Attraverso il richiamo degli archetipi entrare in contatto con la "supercoscienza", la parte della psiche che contiene il nostro più profondo potenziale vuol dire utilizzare il processo artistico per diventare fisicamente, emotivamente e spiritualmente tutto.
Nell'arte transpersonale si utilizzano gli strumenti artistici come oggetti rituali, magici, sostanze energetiche che creano uno spazio per la manifestazione. L'atto artistico diviene un rituale meditativo, un rituale di affermazione e manifestazione.  L’Arte Transpersonale come metafora del percorso della nostra vita, vuol dire non soffermarsi su nessuna parte della creazione artistica ma apprezzare il viaggio nella sua pienezza lungo la strada, perché ogni momento è completo in sé.  L'Arte Transpersonale è la rievocazione simbolica della fantasia astratta, immagini di un universo senza tempo e spazio, che si riflettono in conformità con la conoscenza del nostro tempo, espressioni organiche che dimostrano la magia eterna della condizione umana. L'Arte Transpersonale riflette accuratamente la molteplicità della nostra realtà, esprimendo il regno del nostro senso primario, un modo universale di coscienza che immagina la vita come sacra. Queste immagini possono apparire mistiche, letterali e concettuali, in quanto gli elementi astratti variano come rappresentazione del conosciuto, il meno conosciuto, e l'ignoto.  
Dice il saggio ' non è ciò che fai ma come lo fai che determina la tua azione'.
L’apparire alla luce è una caratteristica essenziale della vita, scrive A. Portmann, che continua: 'il compito dell' autopresentazione influisce sulla formazione del fiore non meno delle esigenze riproduttive ovvero l'apparire alla luce è una caratteristica essenziale della vita.’ Alle diadi sopravvivere o apparire alla luce, Ego o Sè, dominio o condivisione, l'Arte Transpersonale risponde con il modo ulteriore, ovvero non contrapposizione ma risolversi nell'uno, non fermarsi alla lotta per la sopravvivenza ma guardare oltre gli interessi personali e vivere esprimendo tutto il potenziale creativo.